09.01.2014 01:47

Un Green new deal per Cesano Boscone

La soluzione alla crisi economica e sociale che sta attraversando l'Italia è il primo punto dell'agenda politica nazionale.Eppure le ripercussioni sono fortissime anche nella amministrazioni pubbliche degli enti locali.Come far ripartire l'economia? Da dove iniziare per incrementare i posti di lavoro? 
I comuni possono dare l'esempio mettendo a punto pratiche virtuose capaci di liberare risorse da destinare alle maggiori difficoltà delle famiglie.Spesso si individuano singoli interventi ma si fatica ancora a proporre una visione d'insieme strategica.
 
Alcuni Paesi del Nord Europa, Germania in primis, pare abbiano attutito gli effetti della crisi economica investendo sulla green economy e spostando la tassazione dal lavoro alla protezione di elevati standard ambientali. In questo modo venivano privilegiate quelle aziende che investendo su ricerca e sviluppo e sull'adeguamento degli impianti, riuscivano a garantire prodotti e servizi di alta qualità. Certamente non è semplice prendere dei modelli economici e "copiarli" in altri paesi diversissimi per cultura e vocazione. Eppure delle indicazioni utili possono essere prese ad esempio anche per l'Italia. 
E' necessario un grande piano di conversione ecologica del sistema produttivo dalle industrie ai servizi per passare all'edilizia, all'agricoltura e al turismo.
 
Ci vuole un Green new deal dove l'innovazione tecnologica deve essere declinata in tutti i settori. L'efficienza dei processi porta, infatti, non solo a un miglior utilizzo delle risorse naturali e al miglioramento dell'abiente ma anche a una maggiore competitività del sistema economico e alla valorizzazione delle professioni più qualificate. L'affermazione delle energie rinnovabili affiancate dalla riqualificazione degli edifici per garantire il risparmio energetico, una manutenzione ordinaria del territorio efficace e capillare sono strategie concrete per portare benefici diffusi a tutta la comunità. 
 
Cesano non parte da zero. Anzi. Con il Piano d'azione per l'energia sostenibile (Paes), Cesano Boscone ha avviato e sta avviando una graduale ristrutturazione degli edifici pubblici che, unitamente, a riforme della gestione dei veicoli comunali e del trasporto pubblico porteranno entro il 2020 a una riduzione di oltre il 40% delle emissioni di anidride carbonica. Le azioni intraprese sono a costo zero per la pubblica amministrazione in quanto realizzate da imprese che beneficiano dei finanziamenti Bei che sono fondi messi a disposizione da istituzioni nazionali ed europee. In questo modo le risorse economiche "liberate" dai minori consumi possono essere utilizzate per altre esigenze negli interessi della collettività. 
 
Si tratta di un approccio rivoluzionario che partendo dal basso è capace di innescare meccanismi virtuosi, esempi di sostenibilità da estendere su scala nazionale. 
 

 

—————

Indietro


Contatti

Cesano Boscone 2020 forum delle idee

via Turati 6 20090
Cesano Boscone


cell. 3890715019 - 3297504497